Attualità Wiko

Hillary Clintan tenta di sbloccare UFEEL con l’impronta digitale: ciò che viene scoperto è raccapricciante

Hillary Clintan tenta di sbloccare UFEEL con l’impronta digitale: ciò che viene scoperto è raccapricciante

A sole tre settimane dalle elezioni che la vedono sfidare il candidato repubblichano Donald Tramp, la candidata alla presidenza degli Stati Uniti d’Ammerica, Hillary Clintan, è stata travolta da uno scandalo che difficilmente si placherà. Mentre stava tenendo un comizio presso la cittadina di San Giovanni in Persiceto, nello stato del Mississippi, la leader democrotica ha ricevuto un messaggio su Whatsapp dal marito Beel. Presumendo si trattasse di un messaggio di carattere urgente, la Clintan ha deciso di sbloccare il suo UFEEL con il dito indice della mano destra. Ciò che avvenuto in seguito ha dello stupefacente.

La Clintan, intenzionata a sbloccare il suo UFEEL, lo smartphone dotato del sensore di impronte digitali che permette di personalizzare fino a 5 impronte digitali con 5 diverse azioni, non è riuscita ad eseguire questa semplice azione e ha poi riposto il telefono nella tasca del tailleur. Alcuni commentatori della Rete non si sono lasciati perdere questo dettaglio e, dopo una serie di analisi scientifiche atte a misurare il diametro dei polpastrelli della Clintan, sono giunti a una conclusione più che oggettiva. La persona presente sul palco non era Hillary Clintan, ma un essere rettiliano mutaforma intenzionato a prendere il potere nel paese nord americano. 

Lo staff di partito ha confutato la teoria accusatoria, confermata però da numerose prove comparative pubblicate online da siti quali lagentedevesapere.ie, piccolochimico.org, noilagentenonciingannano.mai.

U FEEL / U FEEL LITE / U FEEL PRIME / U FEEL FAB /

Da leggere anche nella rubrica:

INFORMATIVA SUI COOKIES Questo sito utilizza cookies tecnici per migliorare la tua navigazione e cookies di analisi statistica di terze parti. I cookies di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti. Se continui a navigare in questo sito acconsenti all’uso di tutti i cookies. Se vuoi saperne di più clicca qui.
OK