Attualità Wiko

Incredibile agli Osgar. Vince la statuetta grazie al suo smartphone



Il cineasta moldavo Mariu Hadinolfu si era presentato in sordina alla celebre kermesse cinematografica. La nomination della sua opera prima “Babuzzu, Babuzzu”, film dalla forte critica sociale, era passata quasi inosservata, al punto che i critici avevano disertato le interviste di rito. Enorme è stata quindi la sorpresa, quando dal palco del noto teatro losangelino, la presentatrice - sensibile ai temi trattati dal film - ha fatto il nome del cineasta di Chisinau e lo ha invitato dinanzi alla platea, gremita delle più grandi star holliwoodiane. Accompagnato dalla moglie Irina, Hadinolfu ha voluto ringraziare uno ad uno (quindi 3) i tecnici che lo hanno aiutato. Ha poi estratto dalla tasca il suo RAINBOW, con il quale ha realizzato il film utilizzando la tecnica del frame-stop, e si è scattato un selfie con la statuetta.



Da leggere anche nella rubrica:

INFORMATIVA SUI COOKIES Questo sito utilizza cookies tecnici per migliorare la tua navigazione e cookies di analisi statistica di terze parti. I cookies di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti. Se continui a navigare in questo sito acconsenti all’uso di tutti i cookies. Se vuoi saperne di più clicca qui.
OK